Più tasse o meno servizi: è il federalismo, bellezza!

Data:

Le ultime statistiche rivelano che una delle principali industrie italiane per numero di addetti (superiore a Fiat, Trenitalia e Finmeccanica) è il comune di Roma: 65000 tra dipendenti diretti e aziende “municipalizzate”.

Altre due notizie “correlate”:

  • nel 2011 si sono aggiunte altre 1800 assunzioni
  • in dicembre è stata approvata la legge relativa a “Roma capitale”: un finanziamento aggiuntivo statale per evitare la possibile bancarotta del Comune di Roma.

A questo punto si potrebbe gridare allo scandalo: amministrazioni che continuano imperterrite con assunzioni definibili per lo meno clientelari, anche in situazioni complessive di grave crisi! Si potrebbe invocare un commissariamento o qualcos’altro per porre rimedio alla situazione.

Secondo noi, invece, la soluzione non deve essere cercata in iniziative di stampo centralista o statalista, del tipo di provvedimenti “punitivi” o correttivi, decisi da un’autorità in nome di un superiore interesse nazionale. Andrebbe invece realizzato un autentico federalismo accompagnato dalla democrazia diretta (come sostengono da sempre i Comitati).
Non si dovrebbe vietare (o sconsigliare) ai cittadini romani di preferire un comune elefantiaco, assistenzialista e spendaccione ad un comune snello ed efficiente, che offra servizi pubblici di standard elevato anziché assunzioni facili: purché sappiano come nell’ambito di un corretto federalismo (e autonomia) fiscale debba essere possibile scegliere tra più dipendenti e più tasse o peggiori servizi.

Questo insomma dovrebbe essere il vero federalismo: ognuno libero di decidere, nell’ambito della propria regione, quante tasse pagare e come impiegarle.

Tutto ciò i cittadini dovrebbero poterlo stabilire nel modo più diretto possibile: attraverso un sistema elettorale che permetta di scegliere (attraverso primarie certificate e garantite) i propri rappresentanti, eleggerli in base alle loro proposte (attraverso un sistema elettorale maggioritario) e giudicarli alla fine del mandato, nonché con la possibilità di ricorrere a referendum sia abrogativi sia propositivi sulle questioni più importanti.

Altrimenti continueremo a scandalizzarci perché i comuni continuano a comportarsi come quello di Roma: questo modo di far politica porta i tanto desiderati voti e nel frattempo paga lo Stato, cioè tutti noi.

 

Angelo Gazzaniga
Portavoce dei Comitati per le Libertà

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga