Più Ambrosoli, meno Rodotà

Data:

Lodare i morti è un’abitudine comune, ma non esageriamo…

Da decenni in Italia si pratica uno sport patetico: il birignao post-mortem nei confronti dei presunti “salvatori della Patria”, soltanto perché costoro hanno ricoperto cariche prestigiose, dal Quirinale alla Consulta ecc… Nel 2008, alla morte dell’editore Carlo Caracciolo, la figlia illegittima Giacaranda disse: “Era una persona meravigliosa”. Letta la sua dichiarazione, l’ultra-disincantato Piero Ottone esclamò: “Ah, il birignao quant’è fastidioso!”. Con tanto di genuflessione piccolo-borghese al Principe, che spesso è vanitoso e mediocre.
Orbene, è morto lo zar dei giuristi italiani Stefano Rodotà, “il prolungamento aristocratico di Oscar Luigi Scalfaro” come l’ha definito Ferdinando Cionti. Quei costituzionalisti vanitosamente machiavellici alla Franco Cordero, l’anti-Montanelli per eccellenza nella mediocritas di un giuridichese quasi incomprensibile, e Sir Gustavo Zagrebelsky che credono nella“nobile menzogna” di Leonid Trozkij: il popolo è bue, e va governato dai sacerdoti del monopolio democristiano del verbo, come lo chiamava con sarcasmo il grande Indro.
Che sia menzogna è acclarato, quanto nobile non lo so. In memoria di Rodotà la rivista Micromega di Paolo Flores D’Arcais ha pubblicato un numero speciale intitolato: “Tornare a Keynes – solo l’eguaglianza ci può salvare”. La tesi centrale dell’almanacco di economia, rilanciata soprattutto dall’economista rodotiano Thomas Fazi, è questa: quarant’anni fa la Commissione Trilaterale ha distrutto con un’aggressione piduista i fondamenti macroeconomici del New Deal di Franklin Roosevelt e John Maynard Keynes, che sosteneva la spesa pubblica in deficit a lungo termine, mettendo in atto la famigerata “contro-rivoluzione conservatrice” del neoliberismo (una parola semanticamente vuota) che oggi troverebbe nel divorzio Banche Centrali/Stati e Fiscal Compact i pilastri della “neo-Costituzione preventiva”: l’inveroconda espressione democristiana usata proprio da Stefano Rodotà nel 2011.
Traggo ispirazione dal saggio di Thomas Fazi“Una crisi iniziata quarant’anni fa” che si ispira al libro “Solidarietà” di Stefano Rodotà, per rilanciare ai lettori il mio punto di vista: riproporre oggi su basi keynesiane il ripristino della subordinazione della Banca d’Italia al Ministero del Tesoro nel Belpaese della “passione andreottiana” per i giocatori d’azzardo alla Giuseppe Mussari e Stefano Ricucci è un insulto intellettuale alla lezione dell’eroico commissario liquidatore della banca privata italiana Giorgio Ambrosoli, che non si piegò alla politicizzazione della Banca d’Italia nel 1979, poiché si oppose alla spesa pubblica in deficit – tanto amata dal nevrotico Keynes–nei confronti del banchiere fallito Michele Sindona (sic!).
Lo Stato non è“troppo grande per fallire”. Esso deve essere guidato da organismi sovranazionali: come la Bce; è stato l’“eroe borghese” Ambrosoli, con il suo sacrificio, a spianare la strada al meraviglioso divorzio tra banche centrali e Stati nazione. Se con il M5S che candidò Rodotà al Colle tornassimo invece alla nazionalizzazione della Banca d’Italia tanto agitata in queste ore, sarà l’Italia di Ambrosoli a perdere. Più Ambrosoli, meno Rodotà. Si chiama Realpolitik.

di Alexander Bush

wp_user_avatar
Alexander Bush
Alexander Bush, classe '88, nutre da sempre una passione per la politica e l’economia legata al giornalismo d’inchiesta. Ha realizzato diversi documentari presentati a Palazzo Cubani, tra questi “Monte Draghi di Siena” e “L’utilizzatore finale del Ponte dei Frati Neri”, riscuotendo grande interesse di pubblico. Si definisce un liberale arrabbiato e appassionato in economia prima ancora che in politica. Bush ha pubblicato un atto d’accusa contro la Procura di Palermo che ha fatto processare Marcello Dell’Utri e sul quale è tuttora aperta la possibilità del processo di revisione: “Romanzo criminale contro Marcello Dell’Utri. Più perseguitato di Enzo Tortora”.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga