Pandemia e paura.


Con questa pandemia prima esplosa, poi tamponata e quasi sconfitta e ora in ripresa le persone, e soprattutto moltissimi tra i giovani, sono intimoriti dagli incontri. La paura dalle vie si è diffusa sui mezzanini delle metropolitane e addirittura sugli ascensori di casa.
E così, allora, si vivono scene alla “Sfida all’OK Corral”: con occhio terrorizzato molti cercano di intuire la direzione di quelli che incontrano… per evitarli.
Questo è dovuto anche ai media che ci bersagliano con notizie più che allarmanti. Centinaia di notiziari continuano a diffondere bollettini che assomigliano a quelli di guerra. Ovvia la conseguenza: chi segue l’istinto si sta facendo sempre più imbrigliare dalla morsa della paura.
Risultato: tutti sono timorosi di tutti, compreso i propri consanguinei. È un vero dramma assistere alla vita di una società in preda al panico, che vive nel sospetto e nella paura per l’altro, in attesa spasmodica che qualcosa si modifichi per il meglio, che il virus sparisca.
Il virus ha così un’invadenza pericolosa, non solo in campo medico, ma anche in quello dei comportamenti sociali.
Se, in attesa del vaccino, poco si può fare dal punto di vista sanitario, qualcosa si potrebbe fare per avere un’informazione attenta, che cerchi di informare in modo serio e obiettivo, e non di suscitare timori infondati alla ricerca dell’audience.

di Alessandro Prisco

Sull'Autore

Alessandro Prisco

Alessandro Prisco Coniugato con 2 figlie. Imprenditore nel ramo del commercio, ex esponente del partito repubblicano è stato capogruppo prima e vicepresidente poi del Municipio 1 (Centro storico) di Milano. Attualmente è presidente di Asco Duomo, associazione di commercianti che comprende più di 20 vie nel settore sud di Milano (via Marconi, piazza Diaz, via Baracchini, via Gonzaga, corso Italia, per esempio). Da liberale laico si però anche distinto in varie iniziative sociali in collaborazione con i frati francescani di Terrasanta e il progetto Mirasole; inoltre è stato componente del circolo culturale Carlo Cattaneo, affiliato ai Comitati per le Libertà. È infine nella giunta esecutiva di Federmoda, aderente a Confcommercio per la provincia di Milano, Monza e Brianza. Ha recentemente pubblicato il libro “Storie semplici” edito da Libertates.

Post correlati