New generation Fund o Recovery Fund?

Data:


L’Unione Europea chiama il grande piano di finanziamenti dopo covid “New Generation Fund” mentre in Italia tutti, Governo compreso, continuano a chiamarlo
“Recovery Fund”
Ma se invece di una semplice questione linguistica ci fosse dietro ben altro: cioè un diverso approccio al problema?
Infatti “New generation Fund” esprime nel nome quello che dovrebbe essere per l’Europa: debiti che impegnano le prossime generazioni in cambio di riforme strutturali che permettano loro una vita migliore; mentre “Recovery Fund” esprime un concetto di “ritorno”: debiti che permettano di tornare alla situazione pre-covid.
Differenza evidente se si confrontano le prime proposte fatta dalla Francia con quelle dell’Italia.
I francesi hanno giocato tutto su poche grandi iniziative indispensabili per dare un grande impulso verso la modernizzazione del Paese; in Italia invece le primi indiscrezioni sui progetti da presentare fanno pensare più a una maxi finanziaria del genere “assalto alla diligenza” che a un organico gruppo di progetti.
Innanzitutto la quantità delle risorse richieste: si tratterebbe di una spesa di oltre 600 miliardi a fronte di finanziamenti per poco più di 200…
Ma quello che fa pensare è il tipo di progetti: una serie infinita di piccoli progetti, il più possibile cari (secondo la logica del: se li chiedo io non li danno ad altri), il più possibile con inserita la parola magica “digitalizzazione” (perché richiesta dall’Europa) e il più possibile differenziati (c’è anche, ad esempio, la proposta di finanziare la ripavimentazione del piazzale del Ministero degli Esteri…).
Una congerie di proposte che si sovrappongono e che brillano per l’inutilità, tranne quella di accalappiarsi fondi quando sarebbe sufficiente far funzionare bene quello che c’è.
Un esempio è quello dei beni culturali che propongono di spendere 2,5 miliardi per digitalizzare il patrimonio culturale e 500 milioni per la connettività dei musei, quando non si riesce a far funzionare i siti dei singoli musei italiani che potrebbero tranquillamente pagarsi da soli.
Altro esempio quello del ministero per il Sud che chiede un miliardo per il progetto “One-to-One”: 10000 giovani assunti per 18 mesi per spiegare i computer ai giovani; una riedizione dei Navigator?
Il rischio di tutto questo? Sprecare un’occasione forse unica per rinnovare davvero l’Italia con contributi a pioggia che alla fine non cambiano nulla quando abbiamo tutti sotto gli occhi (e Libertates lo dice da vent’anni) le riforme davvero essenziali da fare: magistratura, semplificazione burocratica e legislativa, riduzione di leggi e centri amministrativi, ricerca scientifica e scuola, infrastrutture

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga