MANOVRA PER IL POPOLO O PER GLI EVASORI?


Quali saranno gli effetti della manovra per i redditi di cittadinanza e le pensioni a quota 100 non lo possiamo sapere ancora con esattezza, ma sappiamo però che con questa manovra una categoria può cominciare a festeggiare: gli evasori.
Infatti:

  • sono stati esentati dalle fatture elettroniche medici, odontotecnici e categorie simili. Ora non è possibile credere che l’esenzione sia stata fatta perché la fattura elettronica è troppo complessa o troppo costosa per queste categorie. Se sono obbligati a compilarla semplici artigiani come spiegarsi che dei laureati come i medici non ne siano capaci? Inoltre un servizio completo in abbonamento presso primarie aziende italiane costa 25/30 euro l’anno; non proprio un salasso. Unica spiegazione: è una lobby molto potente che cerca in tutti i modi si sottrarsi al controllo fiscale.
  • Si è adottata una flat tax con aliquota ridotta al 15% per tutte le partite IVA con un giro d’affari modesto: ma non si è minimamente pensato di introdurre lo scontrino elettronico (con eventuale sorteggio a premi) come si è fatto, ad esempio, in Portogallo. È questo un modo per ridurre le tasse ad una platea di contribuenti in cui l’evasione è già molto alta.
  • Si è infine concesso ai Comuni di non fare gare pubbliche per appalti inferiori a 150.000 euro. In questo modo si permette a tantissimi Comuni (specialmente quelli più piccoli e quelli meno efficienti) di stipulare contratti di ogni tipo praticamente senza nessuna possibilità di controllo. Se già adesso è difficilissimo andare a controllare assegnazioni e gare in tutti i Comuni italiani (sono più di 8000!) figuriamoci cosa può succedere in trattative fatte senza alcuna pubblicità e senza che le aziende concorrenti possano intervenire. Un’orgia di favori tra amici, il trionfo del peggior sottobosco degli enti pubblici, il tutto condito ovviamente da tangenti e favori in nero.

Purtroppo in questa maniera non si riuscirà mai a contenere l’evasione, autentica piaga dei conti pubblici italiani e per conseguenza non riuscirà mai a ridurre il peso fiscale che continuerà a gravare sugli onesti, o forse meglio su coloro che non possono evadere…
Perché è tenere ben chiara una cosa: chi evade non ruba tanto allo Stato, quanto ai suoi concittadini che devono pagare anche per i servizi che lo Stato fornisce agli evasori

di Angelo Gazzaniga

Sull'Autore

Angelo Gazzaniga

Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Post correlati