Lo statalismo ferroviario alla pugliese

Data:

angelo
Spesso per appropriarsi di risorse dello Stato non serve commettere reati: si può fare tutto alla luce del sole, tanto nessuno controlla (o vuole controllare)

In Puglia è scoppiato l’ennesimo scandalo all’italiana. Quello della FSE: cioè le Ferrovie del Sud Est. Un sistema ferroviario “privato” (nel senso di non appartenente alle Ferrovie dello Stato, ma posseduto da Enti locali) che garantisce il servizio in buona parte della regione.
Si è scoperto che, tra le tante consulenze e incarichi inutili, tipici di questi enti, c’erano due storie particolari: il presidente si era autoassegnato un emolumento che, considerando tutti i vent’anni di servizio, raggiungeva i 13,5 milioni di euro (cioè 27 miliardi delle vecchie lire!) e che al direttore del personale che risiedeva a Roma veniva riconosciuta una trasferta tutte le volte che si recava in sede a Bari!
Storie di ordinaria corruzione, verrebbe da dire, ma possibile che tutto questo, regolarmente scritto in bilancio, non sia mai stato notato da nessuno? La Corte dei conti, che dovrebbe vigilare sul denaro pubblico, il ministero dei Trasporti cui spetta il controllo della gestione, la regione Puglia che usufruisce del servizio e riconosce lauti contributi, nessuno di loro si è accorto di nulla per vent’anni.
Naturalmente, è inutile dirlo tanto è ovvio, il servizio è talmente scadente e inefficiente da costringere i pendolari pugliesi ad utilizzare auto o bus per andare al lavoro.
Ma secondo noi di Libertates la soluzione non è solo quella, pur doverosa, di commissariare la gestione, fare piazza pulita e nominare nuovi responsabili. C’è da sospettare che tra vent’anni ci ritroveremmo nella stessa situazione, magari con un altro tipo di malagestione.
La vera soluzione è quella di uno Stato davvero liberale e moderno: significa mettere a gara il servizio, stabilire regole, limiti e penali, e affidare il servizio a chi offre un rendimento migliore al miglior prezzo.
L’ente pubblico non dovrebbe gestire il servizio, ma solo controllare e verificare che tutto funzioni bene: solo la concorrenza tra fornitori diversi (siano pubblici o privati, non conta) può garantire un risultato come si deve.
Ma se questo è difficile da avere in Italia, figuriamoci nella Regione Puglia, ove statalismo e centralismo sono di casa…

Guidoriccio da Fogliano

wp_user_avatar
Libertateshttps://www.libertates.com
Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano