Le medaglie di Sochi, il sangue di Kiev

Data:

dario
C’è un solo, inquietante e identificabile burattinaio, dietro ai fuochi artificiali delle Olimpiadi di Sochi, e ai fuochi di fucileria per le strade di Kiev. E’ un uomo di modesta statura, praticante di judo a San Pietroburgo, cacciatore di orsi in Siberia, aviatore e soldato, bevitore di vodka ed ex agente del Kgb in Germania Orientale, attuale presidente della Russia e recente restauratore dell’inno sovietico.
Il nome di quest’uomo non lo diciamo, lo lasciamo all’intuizione del lettore. La sua strategia invece è giusto commentarla. Da un lato, senza badare a spese, costui ha elevato i Giochi di Sochi a simbolo dell’accoglienza russa, a vetrina della sua efficienza, a conferma del suo ritrovato prestigio anche in campo sportivo. Dall’altro, ha autorizzato il suo uomo di fiducia in Ucraina, Janukovich, ad aprire il fuoco della repressione contri i patrioti che si battono per l’indipendenza del Paese, la democrazia e l’avvicinamento all’Europa. Scopo di quest’ultima mossa, concordata a suon di forniture di gas e petrolio, è quello di riportare l’Ucraina nell’orbita geopolitica di Mosca, riducendo al minimo le libertà individuali e d’impresa, il diritto alla dissidenza, la possibilità di alternanza al potere.
L’uomo di cui stiamo parlando appartiene a un tipo umano preciso: il nazicomunista. Nel senso che porta inscritto nel suo DNA il nazionalismo illiberale e statalista, unito all’uso spregiudicato della violenza e del terrore contro gli oppositori. Il nazicomunismo, una specie di mostro ideologico nato sulle rovine del socialismo reale, ma anche tributario per alcuni aspetti della virulenza nazionalsocialista, si è incarnato durante questi anni in vari personaggi sinistri: i più noti sono il serbo Milosevic, il bielorusso Lukashenko, i russi Zhilinovskij e Zjuganov, oltre a esponenti minori in Ungheria, Romania, Slovacchia eccetera. Nessuno di costoro, in realtà, progetta o ha dichiarato apertamente di volere un ritorno al comunismo; dell’ideologia marxista-leninista, infarcita di nazionalismo, costoro mantengono solo il nocciolo duro: il culto del potere e del controllo sociale, per il mantenimento dei quali tutto è lecito; la repressione metodica e brutale, occasionalmente interrotta da pause tattiche; l’inganno e la corruzione diffusi. Insomma, il progetto sul lungo periodo di simili personaggi è quello di assoggettamento totale dei cittadini; di uso del terrore (o della sua minaccia) come mezzo normale di governo. Ma lo stadio finale dell’ideologia nazicomunista, benché non dichiarata, è la stessa di ogni totalitarismo: la guerra. E’ il polemos greco l’anima del nazicomunismo, come quella del resto dell’islamismo. Illudersi di venire a patti con Janukovich, come con gli hezbollah, con i quaedisti o i “moderati” iraniani, significa equivocare sulla loro vera natura.
Ma anche nell’ambito del nazicomunismo esistono vari livelli di potere: Janukovich, così come Lukashenko, sono essenzialmente esecutori periferici, Milosevic è stato un feroce epigono. Ma al vertice di tutto c’è, appunto, l’uomo che ha diretto i fuochi artificiali di Sochi e quelli reali di Kiev, il burattinaio senza principi che non siano quelli del potere, l’uomo del Kgb che per definizione è senza volto. Protestare contro costoro si deve (e giustamente sul “Corriere della Sera” Bernard-Henri Lévy ha invitato al boicottaggio delle Olimpiadi di Sochi). Ma la vera partita, è amaro dirlo, ma anche giusto, si gioca sul campo di battaglia: le strade di Kiev. Una libertà che non sia stata conquistata a un qualche prezzo vale ben poco, e prima o poi si perde.

Dario Fertilio

wp_user_avatar
Dario Fertilio
Dario Fertilio (1949) discende da una famiglia di origine dalmata e vive a Milano. Giornalista e scrittore, presiede l'associazione Libertates che afferma i valori della democrazia liberale e i diritti umani. Estraneo a ogni forma di consorteria intellettuale e di pensiero politicamente corretto, sperimenta diverse forme espressive alternando articoli su vari giornali, narrativa e saggistica. Tra i suoi libri più noti, la raccolta di racconti "La morte rossa", il saggio "Le notizie del diavolo" e il romanzo storico "L'ultima notte dei Fratelli Cervi", vincitore del Premio Acqui Storia 2013. Predilige i temi della ribellione al potere ingiusto, della libertà di amare e comunicare, e il rapporto con il sacro.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga