La UE e il mercato libero per dare una risposta a Putin

Data:

Vladimir Putin
Quale risposta dare a Putin per il suo intervento in Ucraina?
Questo è il problema principale della politica estera in Italia (e ovviamente non solo in Italia)

Escludiamo l’opzione militare: l’Ucraina non fa parte della Nato e nessuno è “disposto a morire per Kiev”

Prendiamo atto del fatto che l’impatto delle sanzioni economiche è da sempre più formale e di facciata che sostanziale (basti pensare alle sanzioni della Società delle Nazioni all’Italia per la guerra d’Etiopia o a quelle all’Iran per lo sviluppo del nucleare militare); che spesso fa compattare l’opinione pubblica del Paese sanzionato, il quale si ritiene ingiustamente colpito nei propri interessi; che, nel caso dell’Italia, finisce per danneggiare la nostra economia più di quella russa (non dimentichiamo che la Russia è uno dei nostri principali mercati d’esportazione, soprattutto per le piccole e medie imprese).

Dunque, non resta che minacciare Putin nel cuore del suo potere: le risorse energetiche. Perché è si vero che (Italia e Germania in primis) noi dipendiamo dalle forniture di gas russo, ma è altrettanto vero che per fare un affare bisogna essere in due: chi compra, ma anche chi vende.

E qui appare l’importanza della proposta fatta da Francia e Polonia: creare una rete europea di gasdotti e di gestione comune delle risorse energetiche per affrontare assieme le problematiche e le soluzioni necessarie per passare da una situazione di fornitori fissi (legati a contratti di fornitura rigidi e con la formula “take or pay”) ad una situazione di mercato con fornitori diversi e prezzo variabile (la soluzione dello “shale gas” e dei rigassificatori).

Un’opzione che fa risaltare l’importanza di due idee attualmente così poco di moda: il libero mercato e l’Unione Europea:

  • il libero mercato che ci permette (come sempre) di scegliere il fornitore più efficiente e meno costoso, anziché essere legati a Paesi poco affidabili quali Russia, Algeria e Libia
  • l’Unione Europea che ci permette di essere un contraente importante e di gestire tutta una rete comune di gasdotti.

Altrimenti resteremo sempre quello che siamo oggi: un piccolo acquirente senza voce in capitolo, prono ai desideri di Putin e che per rivolgersi al mercato libero del gas (per cui occorrono i degassificatori) aspetta da decenni l’autorizzazione della burocrazia, di qualche piccolo comune o della magistratura…

Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano