La truffa Alitalia-Etihad

Data:

angelo
Con grande soddisfazione tutti stanno aspettando l’atto finale della vicenda Alitalia-Etihad: firma dell’accordo e “tutti felici e contenti”.
Tranne uno: il contribuente italiano.

Infatti Etihad entra nel capitale di Alitalia e con circa 300 milioni di euro ne prende la guida.
Operazione per loro sicuramente vantaggiosa: dopo la fuga di Air France e la rinuncia di Aeroflot Etihad era rimasta come ultima possibilità: o loro o il fallimento. E ognuno di noi sa bene come sia facile trattare da una simile posizione di forza.
In sostanza Etihad ha chiesto tre cose:

  • la rinegoziazione del debito di Alitalia. In parole povere le banche creditrici devono accettare di rinviare il recupero dei propri crediti e accontentarsi degli interessi (forse) per diversi anni. In una situazione di credit crunch quale l’attuale si tratta di miliardi sottratti agli investimenti in aziende italiane tanto bisognose di finanziamenti.
  • Una sostanziosa riduzione del personale. Aspettiamoci il solito accordo con i sindacati in base al quale si concederà una cassa integrazione di otto anni (come è stato fatto nel precedente accordo)
  • La liberalizzazione degli slot di Linate.  In altre parole la possibilità di utilizzare Alitalia come carrier per portare a Fiumicino chi vuole volare verso l’Oriente (ovviamente con Etihad). A questo punto Malpensa diventa praticamente inutile (il ricco mercato business dell’Alta Italia utilizzerà Roma per i voli intercontinentali verso l’oriente e Parigi, Londra o Francoforte per i viaggi intercontinentali verso ovest). Avremo un aeroporto intercontinentale che viene utilizzato praticamente solo da voli low cost. Ben diversa sarebbe la situazione se si liberalizzassero tutti gli slot di Linate e Malpensa: libera concorrenza su tutti i voli e “vinca il migliore”: proprio quello che Etihad non vuole (altrimenti avrebbe a Malpensa la concorrenza di Emirates e Singapore Airlines). Ovviamente le perdite di Malpensa verrebbero scaricate sui contribuenti.

La soluzione non sarà diversa dagli altri salvataggi: al governo l’onore di aver salvato, a Etihad il mercato dei voli italiani, ai “capitalisti coraggiosi” una buona via d’uscita, ai cittadini italiani le perdite.
Quando un’azienda come Alitalia è ormai decotta, ha terminato il suo ciclo vitale non esiste che una soluzione: il fallimento. E’ una soluzione naturale: le aziende come gli uomini nascono, prosperano, muoiono e vengono sostituite da altre più adatte alle mutate esigenze.
Esattamente quello che è avvenuto in Svizzera: una compagnia prestigiosa come Swissair è stata lasciata fallire ed è stata sostituita dalla nuova Swiss che sta ottenendo brillanti risultati.

Come da sempre sostengono i Comitati la strada del libero mercato, della concorrenza, della trasparenza è l’unica che ci può far uscire da questa situazione di assistenzialismo, di statalismo strisciante grazie alla quale chi paga è sempre Pantalone

Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga