La giustizia tradita e il silenzio di Mattarella

Data:


Si è letto recentemente di inammissibili comportamenti di alcuni magistrati che andranno sotto processo, ma di simili situazion si mormorava da tempo, soprattutto di cosa succedeva al CSM (Consiglio Superiore della Magistratura) e attorno ad esso. E spiace constatare che chi lo presiede, il Presidente della Repubblica, non abbia mai detto nulla in proposito, quando sarebbe stato suo dovere intervenire con autorità.
La maggioranza delle italiane e degli italiani ha una scarsa considerazione della magistratura, troppi cittadini hanno subito danni morali ed economici e troppo spesso si legge di comportamenti di questo o quel magistrato che meriterebbero, altrove, severi provvedimenti se non la cacciata.
Sono le leggi, che ne sono la struttura portante, e le donne e gli uomini che ne fanno parte i responsabili del buono o cattivo funzionamento di ogni istituzione.
Per la giustizia va rivista l’impostazione funzionale ormai arruginita. La recente legge Cartabia è un passo avanti, anche se ha già sollevato critiche, ma ancora molto vi è da fare e sarebbe utile al paese se i politici non usassero le possibili leggi sulla giustizia per scannarsi, ci vuole buon senso, armonia anche qualche compromesso per la giustizia italiana.
Ma è la mancanza di deontologia professionale di troppi membri dell’istituzione la causa principale del mediocre funzionamento e del poco prestigio.
Tanto tempo fa, il magistrato frequentava solo un ristretto gruppo di amici e conoscenti, non esprimeva pareri su certi argomenti, era un personaggio piuttosto austero.
Roba d’altri tempi ? Forse, ma anche un magistrato attuale dovrebbe essere riservato, non parlare ai giornali, non fare la primadonna o ergersi a giudice della società o esprimere convinzioni politiche e tanto altro. Secondo l’Ufficio Statistico del CSM i magistrati italiani, al 29/2/2020, erano 9787 di cui 4479 donne, ma quanti sono, oggi, quelli che si comportano cosi ? Si spera molti, ma bastano pochi per screditare l’istituzione e pochi di quei pochi sono colpiti da provvedimenti disciplinari perchè nel CSM, che ne è responsabile, prevale la solidarietà di casta, i tempi per una decisione, voluti o inevitabili, sono lunghi e le archiviazioni prevalgono su decisioni disciplinari esecutive.
Non ci sono soluzioni facili per convincere magistrati senza deontologia professionale a cambiare atteggiamento, bisognerebbe cercare di convincerli facendo del loro problema un problema nazionale, parlandone, scrivendone sui giornali e rendendo noti all’opinione pubblica nomi e comportamenti inadeguati.
Ma a dare autorevolezza alla soluzione del problema non vi è che il Presidente della Repubblica, affrontando l’argomento senza giri di frase, dicendo pane al pane, esortando tutti i magistrati a sentirsi coinvolti nel problema.
E necessario per il bene dell’Italia.

di Ettore Falconieri

wp_user_avatar
Libertateshttps://www.libertates.com
Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga