La Galleria ai milanesi!

Data:


Chi vi scrive ha avuto la fortuna di essere prima consigliere e poi vicepresidente dell’Associazione commercianti del Salotto di Milano”; cioè l’associazione che raggruppava i più prestigiosi negozi della Galleria e di piazza Duomo a Milano.
Tra di loro, solo per fare alcuni esempi, Galtrucco, il Camparino, la gioielleria Gobbi, il negozio di biancheria Finzi, la libreria Bocca.
Allora la Galleria, che non per niente veniva definita “il salotto di Milano” aveva una frequentazione non solo turistica, ma soprattutto di milanesi che discutevano di politica, passeggiavano, frequentavano per gli aperitivi tanti esercizi pubblici prestigiosi quali il Savini, il Biffi, il BarSì, il bar La Galleria, il Salotto di Milano, il Camparino. Tanti bar e ristoranti di cui si è perso traccia.
Oggi la Galleria non rappresenta più l’essenza della milanesità, vi sono tanti negozi dei marchi più prestigiosi, ma senza originalità, marchi spesso italiani ma presenti con negozi simili in tante altre parti del mondo.
Un esempio potrebbe essere quello di Prada: i fratelli Prada gestivano allora con la signora Prada, persona di cortesia e gentilezza squisite, il loro negozio; all’interno una grande scala con il disegno di un transatlantico che rappresentava un unicum, un arredamento liberty da tutti invidiato e imitato.
Come si potrebbe far tornare la Galleria a essere il salotto di Milano: forse sarebbe sufficiente che una parte dei negozi (un terzo?) venisse riservata a boutique o artigiani di comprovata origine milanese e soprattutto non facenti parte di catene di negozi.
In questo modo potremmo rivedere la Galleria frequentata non solo da turisti, ma anche da quei milanesi che ne sono stati sempre l’anima e che l’hanno resa un unicum nel panorama delle gallerie pedonali ottocentesche.

di Alessandro Prisco

wp_user_avatar
Alessandro Priscohttps://www.libertates.com
Alessandro Prisco Coniugato con 2 figlie. Imprenditore nel ramo del commercio, ex esponente del partito repubblicano è stato capogruppo prima e vicepresidente poi del Municipio 1 (Centro storico) di Milano. Attualmente è presidente di Asco Duomo, associazione di commercianti che comprende più di 20 vie nel settore sud di Milano (via Marconi, piazza Diaz, via Baracchini, via Gonzaga, corso Italia, per esempio). Da liberale laico si però anche distinto in varie iniziative sociali in collaborazione con i frati francescani di Terrasanta e il progetto Mirasole; inoltre è stato componente del circolo culturale Carlo Cattaneo, affiliato ai Comitati per le Libertà. È infine nella giunta esecutiva di Federmoda, aderente a Confcommercio per la provincia di Milano, Monza e Brianza. Ha recentemente pubblicato il libro “Storie semplici” edito da Libertates.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano