Ingiustizia fiscale è fatta

Data:


In Italia chi ha un reddito di 50.000 euro può pagare di tasse:

  • un mix tra 23% (fino a 15.000 €), 25% (tra 15.000 e 28.000 €), 35% (tra 28.000 e 50.000 €) se è assoggettato all’Irpef normale, come tutti i dipendenti e i pensionati
  • 26% flat se ha redditi di capitale
  • 15% flat se ha redditi da lavoro autonomo
  • 12,50% se ha reddito di capitale ma derivanti da titoli di Stato italiani
  • 10% se ha redditi da locazioni a cedolare secca
    e così di seguito.

Naturalmente non è vero che l’aliquota davvero pagata sia quella teorica perché su tutto questo vanno calcolate tutte le trattenute, le esenzioni, che rendono il sistema tributario italiano una giungla inestricabile e spesso incomprensibile.
Ad esempio non è detto, nonostante l’apparenza, che un’aliquota al 10% sulle locazioni a cedolare secca sia in tutti i casi conveniente rispetto alla normale tassazione Irpef perché con la cedolare secca non può essere applicata nessuna detrazione e in caso di bassi redditi l’aliquota normale risulta addirittura più bassa.

Resta il fatto fondamentale che un sistema tributario moderno, efficiente e liberale dovrebbe avere come caratteristiche fondamentali:

  • semplicità e chiarezza perché tutti possano facilmente comprendere quale carico tributario sostengono
  • aliquote uguali per tutti coloro che hanno lo stesso reddito perché sembrerebbe un elemento di equità addirittura ovvio: non si capisce per quale motivo con lo stesso reddito un dipendente debba pagare il doppio di chi ha investito in titoli di stato.

Ma questo è proprio il sistema tributario italiano: un insieme complicato e farraginoso di norme, regolamenti, interpretazioni che permettono ogni genere di espedienti e di sotterfugi; un sistema in cui nessuno a parità di reddito viene tassato alla stessa maniera.
Occorrerebbe un’autentica riforma complessiva, il coraggio di ripartire da capo, di smantellare tutto quel castello di privilegi, di interessi particolari che si è creato nel corso degli anni.
Occorrerebbero politici che hanno a cuore l’interesse della nazione e non dei propri elettori, che guardino al futuro e non all’interesse presente del proprio partito.
Ma ce ne saranno?

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga