Il vero problema delle concessioni

Data:


La vera strada liberale per risolvere il problema delle concessioni autostradali

si fa’ un gran parlare delle concessioni autostradali: è il tema del giorno.
Ogni soluzione presenta grossi problemi:

  • continuare come prima presuppone comunque una ridiscussione dei termini, vista l’inefficienza dei controlli e della prevenzione
  • togliere la concessione secondo i termini del contratto significa pagare una penale miliardaria dopo lunghissime e defatiganti battaglie legali
  • espropriare senza indennizzo, giustificando il tutto con i morti innocenti, violerebbe i principi dello stato di diritto e avrebbe conseguenza deleterie sugli investitori soprattutto esteri: chi vorrebbe mai investire in uno stato che cancella contratti firmati con atti d’imperio?

Ma qualsiasi soluzione incontrerebbe un altro ostacolo: a chi affidare la gestione delle autostrade? Allo Stato, cioè all’Anas, raro esempio di gestione inefficiente, costosa e spesso fraudolenta (praticamente tutti i dirigenti e presidenti della società hanno avuto a che fare con la giustizia) oppure a un’altra concessionaria, ricominciando da capo con gli stessi problemi e le stesse storture (non dimentichiamo che in vent’anni l’inflazione è stata del 40% mentre le tariffe sono aumentate del 70%: un’autentica pacchia per tutti i concessionari che hanno in pratica vissuto di rendite di posizione)?
Del resto come ritenere che un’eventuale maxi multa (si parla di 2 miliardi, oltre alle spese risarcitorie) non venga fatta pagare, poco a poco, agli stessi utenti nei prossimo vent’anni?

In effetti, a ben vedere, il problema sta a monte: come gestire dei monopoli naturali quali le autostrade?
Il sistema ci sarebbe ed è quello da sempre indicato da Libertates: mettere a gara più concessioni per una rete autostradale divisa in più tratte (praticamente solo in Italia esiste un unico gestore per quasi tutta la rete) mediante concorsi pubblici in cui siano indicate chiaramente le regole e i parametri di sicurezza da rispettare, con precisi vincoli e controlli da parte degli enti preposti.
Avremo così non uno Stato statalista, dirigista, pasticcione, sprecone e piò o meno connivente con i gestori quale quello nostro attuale, ma uno Stato moderno e autenticamente liberale che non si occupa di fare l’imprenditore (che non sa fare), ma che mette in concorrenza, controlla, verifica e garantisce la sicurezza di tutti!

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano