Il tracciamento: è solo una questione di numeri.

Data:


Tutti siamo coinvolti, chi più chi meno, nell’epidemia in corso. Uno degli elementi fondamentali per capirne l’evoluzione sono i numeri, o meglio le statistiche che fotografano l’andamento dei contagi, e quanto necessario per contenerne l’aumento.
Il tracciamento dei casi è l’asse portante: attraverso di esso non solo si può scoprire i contagiati, ma trovare i loro contatti e potenziali infetti, seguirli nello sviluppo della malattia e infine avere un quadro preciso della situazione.
In Germania (stato tutto sommato simile al nostro) è stato calcolato che per avere un tracciamento efficiente occorre un tracciatore ogni 4000 abitanti: quindi in Italia ne occorrerebbero circa 15000.
Attualmente ce ne sono meno di 5000 e, ovviamente, non riescono più a far fronte alla mole di lavoro così che tutto il tracciamento è semplicemente saltato.
Per il futuro si è deciso così di costituire un unico call center nazionale per unificare il servizio con un finanziamento di 3 milioni di euro.
Anche qui in contrasto con quello che si fa in Germania ove ci sono 400 centri locali che smistano e coordinano le chiamate: come fa un operatore del centro unico a dare informazioni precise e tempestive a cittadini che chiamano da 20 regioni diverse, ognuna con le sue regole e le sue procedure?: mistero.
Eppure soluzioni ce ne sarebbero:
Perché non mandare a fare i tracciatori i famosi “navigator” che non servono a nulla (lo ha ammesso anche Tridico) e che costano 1800 euro al mese?
Perché non utilizzare come tracciatori gli studenti di informatica del Politecnico di Milano che sono esperti in informatica e statistica e che il Preside della facoltà ha già detto disponibili?
Perché non offrire una possibilità ai tantissimi cassintegrati che sarebbero ben contenti di dare una mano e guadagnare qualcosa?

Sono domande destinate a cadere nel vuoto, o meglio, contro il muro di gomma della burocrazia italiana: fare i tracciamenti è compito delle ASL e guai a chi ne tocca le competenze. Se nel frattempo tutto il sistema dei tracciamenti collassa, pazienza. Purché si salvino competenze, ruoli e incarichi: il vero nocciolo della burocrazia italiana.

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano