I veri mandanti dei “crediti Ninja”

Data:


I crediti concessi a chi non ha mezzi: di chi è la colpa?

I derivati infestano il mondo, è vero: ma per colpa della società civile e non della Trilaterale. Diffidate di espressioni come “La società liquida”: vuol dire tutto e niente, o – peggio – di frasi irricevibilmente collettiviste alla Zygmunt Bauman/Ezio Mauro “Non esistono soluzioni biografiche alle contraddizioni sistemiche”– come a dire che l’Individuo è subordinato al sistema e non può contrastarne la visione pianificatrice per quanto corrotta essa sia!
Questo approccio ideologico alla Seconda Grande Depressione 2007/2018 è un rimedio peggiore del male. La verità l’ha spiegata in modo straordinariamente efficace il presidente di Citygroup Dick Parsons, un’importante banca d’investimento, al Congresso che lo stava interrogando – lungo quella sacrosanta mentalità reaganiana per cui gli individui fanno la società, e non il contrario: ricordiamolo, fu Benito Mussolini a far entrare in guerra l’Italia contro la “demoplutocrazia anglosassone”: “Lo scarso controllo non è dipeso solo dalle banche, ma anche dai regolatori. E’ stata incentivata la concessione del credito a persone prive di requisiti necessari, e molte persone, pur non potendoseli permettere, hanno acceso mutui ipotecari o contratti di prestiti per estrarre liquidità dal valore reale dell’abitazione”. Cioè i famosissimi no performing loans, ossia i crediti non performanti.
Perché le banche hanno incoraggiato i prestiti scadenti? Non c’è alcun dubbio: perché Keynes e Roosevelt – soprattutto il primo nell’intervista radiofonica del 1933 – hanno dichiaratamente diffuso la convinzione nell’opinione pubblica che i cittadini non possono fallire e devono spendere (sic!). (Si rimanda alla lettura dell’intervista Keynes versus Stamp nel libro “Elogio della spesa pubblica” di Warren Mosler: se lo Stato è erroneamente considerato too big to fail– troppo grande per fallire– la situazione sociale conseguente è quella della socializzazione dello “schema Ponzi”: nessuno può fallire, tanto lo Stato ti salverà sempre).
Si uccide così la competitività capitalistica che è la linfa del progresso sociale, dunque del Welfare State, in nome del costruttivismo societarista della Teoria Generale dell’Occupazione. E pazienza se le conseguenze, ancorchè anticipate con preveggenza nostradamusiana da Milton Friedman, è “La tirannia dello status quo” (1984), saranno quelle descritte dal Presidente di Adusbef Elio Lannutti nel saggio “Morte dei Paschi” (capitolo “Ninja e salsicce – No Income, No Job, No Asset. Nessun reddito, nessun lavoro, nessuna proprietà).
L’acronimo è Ninja, la forma di prestito più diffusa negli Stati Uniti dall’inizio degli anni Duemila. I Ninja Loans indicavano i prestiti erogati in favore di persone che non avevano un lavoro, non percepivano un reddito, non possedevano un patrimonio, che non avevano, quindi, nessuna possibilità di ripagare i prestiti ricevuti. Mutui allegramente erogati a favore di soggetti ad alto rischio e a bassa affidabilità creditizia, cui si faceva pagare tassi fino al 15%. Ciò, unitamente all’ipoteca sulla casa acquistata, serviva a garantire il debito. Prestiti Ninja creati anche perché non rappresentavano il primo passo di una lunga filiera, conosciuta come cartolarizzazione dei mutui”.

di Alexander Bush

wp_user_avatar
Alexander Bush
Alexander Bush, classe '88, nutre da sempre una passione per la politica e l’economia legata al giornalismo d’inchiesta. Ha realizzato diversi documentari presentati a Palazzo Cubani, tra questi “Monte Draghi di Siena” e “L’utilizzatore finale del Ponte dei Frati Neri”, riscuotendo grande interesse di pubblico. Si definisce un liberale arrabbiato e appassionato in economia prima ancora che in politica. Bush ha pubblicato un atto d’accusa contro la Procura di Palermo che ha fatto processare Marcello Dell’Utri e sul quale è tuttora aperta la possibilità del processo di revisione: “Romanzo criminale contro Marcello Dell’Utri. Più perseguitato di Enzo Tortora”.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga