Franceschini risponne a Benni e quello arisponne a lui

pasquinata
La Pasquinata di Enrico Bernard

Er Ministro “romanziere” Franceschini
che de notte scrive poemi e libriccini
se l’è presa co’ ‘no scrittorone vero,
uno che co’ ‘a penna ce sa fà sur serio.

‘Sto Benni Stefano, è questo er nome
che delle patrie lettere è ‘n campione,
je l’ha risputato ‘n faccia er premio
che je voleva rifilà quer poro scemo.

Er ministro s’è ‘ncazzato: ma come?
Te vojo insignì manco fossi ‘n nume,
e tu me dài ‘n pubblico d’er cojone?
Me spiace assai tutto questo agrume!

E poi semo colleghi, anch’io sforno
opere de’ fantasia e sfioro er porno
come quer Boccaccio che dell’italiana
letteratura è da secoli rosso fil di lana.

Quinni se po’ dì che da ‘na puttana
è nato tutto ‘sto fiume de parole
che ‘mparamo nelle superiori scole
de quest’Italietta vile e cortigiana.

Famo a capisse, Ministro Franceschini,
i tua romanzi fanno ride i regazzini,
evita d’aprì la bocca pe’ dalle fiato:
pure Dante all’Inferi t’ha mannato!

Hai voja a scrive, signor Ministrello,
tanto resti sempre ‘n menestrello,
dei poteri forti sei solo lo zimbello
al quale sputo ‘n faccia ‘sto libello.

Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati