Home LibertatesTribuna Pasquinate Fassino e la banca der profumo

Fassino e la banca der profumo

0
95

Er vizio der compagno Fassino
è de mettese ‘n tasca ‘n profumino,
e ssi qualcuno je da der malandrino
risponne: ‘o facevo pure da bambino.

Mo’ che però nun è più ‘n regazzino
e nun lo pôi sculacciá sul sederino
dovrebbe cercá de nun fa’ ‘r cretino,
è stato anche sinnaco de Torino.

Che ce fa col profumo femminino?
Er fisico nun è quello de ‘n bagnino,
tutto pelle ed ossa, er poverino
fa schifo da lontano e da vicino.

forse voleva ‘nprofumá ‘a scheda
elettorale vista la tragedia
der confuso popolo de sinistra
che solo sconfitte ormai registra.

Ssì pecché annusando l’odorino
viè spontaneo scrivere Fassino
come se se trattasse der Delfino
de Franza al quale fa l’inchino.

di Enrico Bernard