Enti locali: alla faccia della spending review

Data:


Anziché togliere le Province abbiamo creato le ATO: sarebbe questa la spending review?

Con la riforma Delrio le province avrebbero dovuto scomparire in due stadi: prima l’abolizione di presidenti e consigli (o meglio la permanenza dei presidenti senza compensi) e lo spostamento di metà del personale, poi, dopo il referendum costituzionale, la loro completa abolizione.
Nel frattempo sono nate le aree metropolitane (cioè le ex province attorno ai grandi centri urbani) e soprattutto le ATO, cioè le Ambito Territoriale Ottimale. Sfidiamo quanti, al di fuori degli interessati, ne hanno sentito parlare: dovrebbero essere gruppi di Comuni che hanno interessi simili in una stessa area: una specie di Area montana con interessi comuni.
Andato com’è andato il referendum istituzionale, adesso abbiamo la soluzione pasticciata, confusa e costosissima della peggiore politica italiana: le provincie non solo rimangono con competenze sulle strade e sulle scuole (e contributi tagliati) e cominciano a sentirsi (vedi Regione Sicilia) richieste sempre più forti di restaurarle nelle loro competenze, ma le Regioni si sono scatenate con le ATO: ne abbiamo già 480! Questo significa una sola cosa: moltiplicazione di poltrone, poltroncine e strapuntini per accontentare tutto un sottobosco politico famelico di posti e prebende con costi sempre crescenti; una corrispondente riduzione delle già scarse risorse per i cittadini.
Poi ci lamentiamo della crescente disaffezione verso la politica!
Che fare? È una norma di buon senso che le riforme si facciano per intero oppure non si facciano del tutto: le mezze riforme, le riforme che si fanno a patto di non scontentare nessuno non sono riforme vere, sono solamente pasticci che aumentano costi, confusione e scontento. Allora si porti a termine una riforma sacrosanta e attesa da tutti gli italiani: si cancellino del tutto le province, trasferendo compiti e personale alle Regioni oppure alle ATO: che funzioni o meno sarà il futuro a dircelo, ma almeno non rimaniamo in mezzo a un guado che somiglia sempre di più ad un pantano costoso, inutile e tanto utile al sottogoverno

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga