E se i tedeschi avessero ragione?

Data:

In buona parte degli interventi che, soprattutto la Bundesbank, ma anche molti settori della destra bavarese e dei liberali, fanno contro l’azione del governo tedesco per salvare l’euro c’è sempre una domanda fra le righe: e se poi, una volta passata la crisi, tutto torna come prima?

Per dirla con un’espressione tradizionale: “passata la festa, gabbato lu santu”!

E purtroppo dobbiamo riconoscere che c’è un filo di verità: il governo greco sta facendo una politica di tagli molto incisivi, ma contemporaneamente assume 70.000 nuovi impiegati statali; in Spagna ci si è affrettati a garantire che solo le banche erano in crisi e che i conti erano a posto, ma poi il giorno dopo il ministro delle finanze ha dovuto ammettere che in cassa non c’era più un euro. E in Italia? Nel periodo di massima difficoltà quasi tutti i partiti si sono dimostrati solidali e compatti nel sostenere il governo tecnico, ma non appena la crisi ha dato qualche segno di attenuazione, ecco riapparire minacce più o meno velate di rottura delle alleane; e poi tatticismi, dichiarazioni avventate: tanto fumo senza relativo arrosto. Il Parlamento italiano al momento del varo del governo Monti si era riservato tre compiti necessari per rilanciare il Paese:

  • la riforma dello Stato con riduzione del numero dei parlamentari, una diversa strutturazione delle funzioni delle camere, riordino e riorganizzazione della macchina statale per ridurre costi e soprattutto sprechi ormai insostenibili
  • la riforma elettorale per avere una legge che permetta ai cittadini di scegliere e votare i propri rappresentanti (e non, come ora, di votare sconosciuti inseriti nelle liste bloccate per decisione di un partito o di un capo qualsiasi)
  • la riforma della RAI (che con la diminuzione degli introiti, l’aumento dei costi, l’inefficienza delle scelte dimostra sempre più di essere un ente al servizio dei partiti e non dei cittadini o dello Stato)

a che punto siamo dopo nove mesi di governo Monti?

La riforma dello Stato è finita nel consueto binario morto delle riforme utili ai cittadini e pericolose per gli interessi di partiti e poteri forti (cioè è rinviata a data da destinarsi)

La riforma elettorale, solennemente promessa per fine giugno, si è aggrovigliata in una serie di proposte sempre più complesse (un sistema misto tedesco-francese, un sistema metà uninominale (ma senza primarie) e metà a liste bloccate ecc ecc) che hanno un unico comun denominatore: l’assenza di qualsiasi possibilità per l’elettore di scegliere i propri rappresentanti prima del voto e la presenza di quantità variabili di liste bloccate, premi di maggioranza…

La riforma della RAI è stata stoppata perché di competenza del parlamento. E quindi rinviata anch’essa sine die.

Ma pensiamo proprio che tutta questa tattica del rinvio, del promettere a vuoto, del far prevalere i propri (spesso miseri) interessi di bottega serva a qualcosa, se non a rallentare e ostacolare quella modernizzazione che è indispensabile all’Italia? E come potrebbe non dare all’estero l’’immagine della solita Italia “paese di Machiavelli e del Gattopardo”, quella che tanto ci danneggia?

Angelo Gazzaniga

Portavoce dei Comitati per le Libertà

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga