Due pesi e due misure (Berlusconi e Böhrmann)

pasquinata
La pasquinata della settimana su Böhrmann, il poeta satirico tedesco sotto processo in Germania per alcuni versi ironici sul rappresentante di una nazione straniera.

Er Turco tutto ‘ncazzato e colmo d’ira
ha fatto er lisciabbussa alla Cancelliera:
vole mette ‘n sercio ‘n bocca alla satira
che lo sfotte de fa sesso co’ ‘na pecora.

Così senza manco fasse quarche remora
quella se cala la gonnella e con la pletora
tipica de li governanti tronfi de potere
se scorda che je dissero ar suo sedere:

quanno er nostro vecchio Buontempone
l’apostrofò “inchiavabile” quer culone
che puro ar Papa pareva ‘n Cuppolone
pieno de’ crauti e de’ resti der cenone.

Ergo, er Poeta ha d’annà sotto processo,
mentre er Politico che insulta er cesso
co’ tutto er cerchio sotto a ‘sta chiappona
nun offenne mica dell’Europa la padrona.

Piaccia o nun piaccia ar feroce Saladino
la satira qui da noi è come er vento:
continua a soffià finchè c’ha senso
dijello ‘n faccia a chi è solo ‘n’assassino.

Io ci aggiungo solo ‘n’antro sassolino:
‘o sapete come se traduce in italiano
er cognome de Böhrmann, poverino?
Colui che trapassa tutto cor trapano…

fosse er più grosso e duro deretano.

Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati