Concessioni balneari: ci risiamo!

Data:


Come ormai è ricorrente da un almeno decennio la questione della messa a gara delle concessioni balneari si inceppa regolarmente in vista del traguardo.
Eppure i dati sono più che significativi: lo Stato ha incassato negli ultimi anni una media di 101 milioni l’anno a fronte di incassi che sono (come sempre) difficili da quantificare ma che superano i diversi miliardi.
Di fronte alla richiesta della UE di mettere a gara le concessioni si continuano a trovare espedienti degni di un azzeccagarbugli (quale approvare la legge, ma far dipendere il tutto da un regolamento attuativo) o misure tampone quali l’innalzamento del minimo della concessione a 2500 euro: un’inezia che però può essere un peso notevole per quei piccoli bagni a conduzione familiare e in località scarsamente frequentate. Piccoli bagni in nome dei quali si fa opposizione al provvedimento affermando che metterebbe sul lastrico decine di famiglie.
Mentre il vero scandalo sono le cifre corrisposte dai bagni di lusso. Solo due esempi:
l’hotel Cala di Volpe (uno dei più lussuosi della Costa Smeralda) versa 520 euro l’anno per l’uso in esclusiva delle sue spiagge, mentre il Papeete paga 10mila euro l’anno a fronte di un incasso di 3,2 milioni!
Tutto questo condito con una procedura di infrazione da parte della Ue che ci costerà probabilmente una bella multa: procedendo in questo modo ci converrebbe cedere gratis le spiagge ai concessionari…
Ma quello che più fa pensare non sono tanto le preoccupazioni di non danneggiare una categoria che, anche se modesta come numeri, è compatta e aggressiva e ha un notevole peso elettorale (aspetto cui sono sensibilissimi i politici) ma l’approccio globale al problema: la concorrenza è un moloch da contrastare sempre e comunque, quello che veramente conta è la difesa dello “status quo”, delle situazioni consolidate, delle rendite di posizione.
Una prospettiva che guarda al passato, un futuro visto nello specchio retrovisore che ci può portare a soccombere di fronte a economie giovani, aggressive e moderne.
Difendere privilegi e rendite di posizione può essere vantaggioso per gli interessi elettorali a breve termine, ma a lungo è dannoso per tutti, partiti, economia e cittadini.
Ma si può cambiare: un esempio ce lo dà proprio lo Stato che, mettendo in concorrenza il servizio ferroviario, ha creato una situazione virtuosa grazie alla quale i prezzi sono diminuiti, le aziende sono in utile e andiamo a fare concorrenza (con grande successo) alle ferrovie francesi.

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano