Cinquant’anni dopo l’Andrea Doria: ecco Schettino

Data:

angelo
Più che il profluvio di leggi, spesso contano i valori civili e democratici: vedi il caso Schettino

Per Nel 1956 (cioè 58 anni fa) avveniva un naufragio che coinvolgeva un transatlantico italiano: l’affondamento dell’Andrea Doria al largo degli USA. Cinquant’anni dopo un altro naufragio: quello della Costa Concordia. Stessa drammatica storia: il naufragio di una nave italiana con morti (56 per l’Andrea Doria e 31 per la Concordia) e grave danno per l’immagine del nostro Paese, ma con quali differenze di comportamento! 50 anni fa il comandante Calamai, che non era per niente colpevole dell’incidente (dovuto a un errore di un ufficiale svedese di servizio al radar) accettò in silenzio inchieste e reprimende, morendo dopo pochi anni senza aver mai rilasciato alcuna intervista.
Invece Schettino, garrulo e presenzialista, rilascia interviste a raffica in cui afferma di non essere colpevole perché il timoniere non parlava neppure l’inglese, niente funzionava, ecc ecc.
Ma che ci faceva lui a bordo? Non era forse il capitano, “colui che a bordo é secondo solo a Dio”? Oppure faceva il maître?
Vediamo come in pochi decenni si sia profondamente modificato tutto un insieme di valori, di professionalità, di rispetto per il prossimo che sono, o meglio dovrebbero essere, alla base di ogni sistema civile e democratico: una vera riforma dovrebbe partire anche e soprattutto dal ristabilimento di questi valori, altrimenti si continuerà a fare leggi su leggi che non incidono davvero.

Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga