Chicchirichì signor generale


Facille fà ‘na rima co’ Vannacci,
a Roma viè subbito: mortacci
loro e de’ sta cricca de gallinacci
che se parano come pajacci.

Vanno in giro a fà i galletti,
stivali alti e calzoni stretti,
nastrini e medaje sui petti:
So’ fatti de latta ‘sti poveretti.

Ché quanno che se spara pe’ davero
e ‘a guera è un fatto serio
lamentano d’avé ‘n’appendicite:
chicchirichì, armamose e partite!

So’ bboni tutti, caro generale,
a finge d’esse ‘n vero maschione
quanno ch’ancora nun c’è temporale,
fallo ‘nvece quanno tona ‘r cannone!

Và ‘n prima linea, fatte ammazzà
piuttosto che sta qui a starnazzà
come l’oca di guardia ar bidone,
dimostra sul campo d’esse ‘n leone.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati