Capitali stranieri: vade retro!

Data:


L’Italia è il paese europeo in cui gli investimenti stranieri sono al livello più basso; e Dio sa quanto ne avremmo bisogno!
Agli ostacoli ormai “istituzionali” che si sono accumulati negli anni, quali legislazione complessa e contradditoria, burocrazia soffocante, magistratura inefficiente sembra che se ne vogliano aggiungere altri.
Due esempi recenti sono il caso Autostrade e il caso Tim.
Nel caso Autostrade nella fretta di concludere (dopo due anni dal crollo del ponte Morandi!) e di accontentare tutti i partiti si è arrivati a una conclusione provvisoria e pasticciata, solo apparentemente decisiva: quella di far acquistare la maggioranza alla Cassa Depositi e Prestiti estromettendo contemporaneamente i Benetton, una nazionalizzazione di fatto.
Il tutto dimenticando che Autostrade è una società di diritto privato in cui avevano investito importanti fondi americani e cinesi, i quali hanno subito protestato per una procedura che impedisce di dare un valore oggettivo alle loro quote.
Ben diversa avrebbe dovuto essere la procedura da loro chiesta: che i Benetton vendessero la loro quota sul mercato (cioè in borsa) attribuendo automaticamente una valutazione corretta alla società e al loro investimento.

Altro caso ancor più recente quello di Tim: c’era già un accordo definitivo, con tanto di comunicato stampa stilato, per l’ingresso del fondo americano Kkr nella società di Tim che si occupa dell’”ultimo miglio”: gli americani avrebbero investito 7,7 miliardi per una quota di minoranza.
A questo punto è intervenuto lo stop del governo che preferirebbe una fusione tra Open Fiber e Tim per avere un’unica società per la fibra ottica: risultato, se entro fine agosto non ci sarà una decisione il fondo si ritirerà e addio all’investimento.

È questo un modo per allontanare sempre più gli investimenti stranieri: anziché offrire loro certezza del diritto, condizioni precise e soprattutto immutabili, valorizzazione autonoma dei loro investimenti si va sempre di più verso nazionalizzazioni striscianti, utili forse a soddisfare la voglia di potere dei partiti e la tendenza ormai ricorrente del “statale è bello”, ma non certo a far arrivare capitali freschi in Italia.

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano