BONUS, UNA STORIA TUTTA ITALIANA

Data:


La vicenda dei bonus, almeno nel modo in cui sono stati impostati, volge, è il caso di dire, finalmente al termine.
Non è in discussione il significato dei bonus, un modo come un altro di veicolare sussidi e aiuti verso una parte dell’economia, quanto le modalità di applicazione.
Una storia tipicamente all’italiana: varati in tutta urgenza, in un’atmosfera di dilettantismo e pressapochismo con un intento spiccatamente propagandistico: basti pensare all’aliquota del 110% che sembrava fatta apposta per solleticare gli inquilini: mi rifaccio la casa e ci guadagno anche qualcosa…
Basti pensare alla possibilità di ottenere un credito d’imposta presentando e mettendo nel cassetto fiscale semplicemente una fattura di una ditta qualsiasi che dichiarava di aver fatto i lavori: un’autentica manna per truffe, fatture false e tutto quel campionario di trucchi in cui siamo purtroppo maestri.
Ma erano inevitabili e prevedibili anche tutta una serie di conseguenze puramente economiche quali:

  • il rincaro delle materie prime sottoposte a un improvviso aumento della richiesta
  • la nascita di una miriade di imprese poco professionali dovuta alla necessità di aprire al più presto i cantieri
  • l’assunzione di tutta una mano d’opera scarsamente se non per nulla qualificata dovuta a una richiesta improvvisa quanto massiccia: non si improvvisano operai qualificati in pochi mesi
  • l’aumento, per le stesse ragioni del lavoro nero e degli infortuni sul lavoro
  • il mancato controllo delle spese da parte dei committenti: perché devo dannarmi a controllare spese e preventivi se poi paga tutto lo Stato?
  • Lavori eseguiti male e in fretta proprio perché il tutto era sottoposto a uno stretto vincolo temporale
  • Un più che prevedibile ingolfamento nella cessione dei crediti dovuto anche qui all’improvviso e inatteso aumento delle richieste che portava alla difficoltà di controllare e verificare la loro bontà: le banche hanno chiuso i cordoni della borsa prima di trovarsi piene di credi fasulli o quantomeno inesigibili.

Risultato finale: un deficit colossale (83 miliardi in continuo aumento) non prevedibile e senza coperture finanziarie. Bene ha illustrato il ministro dell’Economia: 2000 euro a testa per ogni italiano.
Una prova ulteriore di come iniziative anche utili e positive divengano dei fallimenti quando si realizzano senza un progetto chiaro e serio ma con sole finalità propagandistiche ed elettorali.

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano