Autostrade, dalla padella alla brace


Libertates (e ovviamente non solo lei) ha da sempre sostenuto che uno stato liberale ed efficiente dovrebbe comportarsi nei confronti dei monopoli di fatto in un unico, specifico modo: stabilire dei criteri di gestione, porre paletti e linee guida, mettere a gara i contratti, controllarne l’esecuzione e revocare le concessioni in caso di inadempimento.
Si è fatto il contrario:
si sono messi limiti e regole risibili: i contratti sono stati in pratica scritti dalle concessionarie che si sono riservate la possibilità di aumentare le tariffe in base ai lavori di manutenzione programmati (e non ancora eseguiti) e si sono concessi rimborsi astronomici in caso di rescissione dei contratti
si sono prolungati i contratti con durata spesso trentennale anziché mettere a gara le concessioni in scadenza (in questo caso si potrebbero semplicemente riconoscere rimborsi in funzione degli investimenti fatti e non ancora integralmente ammortizzati)
si sono affidati i controlli a ditte direttamente dipendenti o legate ai concessionari (come la Spea per Autostrade): palese esempio di controllato che dipende dal controllante
I risultati si sono visti: ponti che cadono per mancata manutenzione, gallerie che perdono pezzi, autostrade bloccate perché improvvisamente ci si accorge che i controlli non sono stati mai fatti e debbono essere terminati in brevissimo tempo per non incorrere in conseguenze penali…
E i rimedi proposti sono ancora peggiori: passare tutto all’Anas, cioè statalizzare anche questo settore con i risultati prevedibili (gli ultimi amministratori delegati dell’Anas sono quasi tutti inquisiti e i viadotti da essa costruiti cadono il giorno stesso dell’inaugurazione) oppure far finta di niente e continuare come prima, salvo liquidare una parte dell’investimento dei Benetton e passarlo alla Cdp (cioè di nuovo allo Stato…)

Se si sta per lanciare un grande piano di investimenti occorre iniziare subito con i criteri indicati da Libertates: solo così si potrà avere un cambio di passo nella gestione dei monopoli di fatto (quali sono le autostrade) e non trovarsi tra qualche anno con gli stessi problemi di adesso, o peggiori!

di Angelo Gazzaniga

Sull'Autore

Angelo Gazzaniga

Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Post correlati