StudiLiberali New Logo Modified_2

Sprechi

Alleghiamo una serie di articoli che ricordano esempi di crimini, che spesso sono resi possibili da

una eccessiva presenza dello Stato e da un eccessivo numero di norme e regole. Tutto poi ricade

comunque sul portafogli del Cittadino, così come gli sprechi che potrebbero essere evitati, diminuendo

la pressione fiscale e migliorando il livello di giustizia sociale. Altrettanto improduttive sono molte spese dello Stato che pretende di decidere cosa piace o non piace al cittadino.

Sprechi

Se i costi di tali interventi fossero tradotti in cash e venissero lasciati al cittadino senza prelevarli in tasse o aumentando l’assegno sociale o pensionistico, egli saprebbe spendere tali soldi meglio, anche in relazione alle sue priorità.

Tali sprechi ed interventi si eviterebbero facilmente con una minore presenza dello Stato, politici meno propensi a fare favori che poco hanno a che vedere con il ruolo dello Stato e delle pubbliche amministrazioni, maggiori poteri gerarchici, di controllo, di responsabilizzazione sui risultati e di sanzionamento dei manager pubblici.

Ed aver sempre presente che il cittadino sa meglio come spendere e con che priorità i soldi che ha a disposizione.

Purtroppo, oltre agli sprechi, gravano sulle spalle dei cittadini anche i costi della corruzione e della concussione e le relative maggiori spese che lo Stato deve sostenere a causa di queste pratiche, certamente meno presenti laddove l’organizzazione dello Stato e della Politica è Liberale e sussidiaria.

  • Raccolta dei rifiuti: i doveri dei Comuni per la vera efficienza

    La recente sentenza della Cassazione sancisce un legame che per ogni liberale dovrebbe essere più che ovvio e che, invece, per molti è tutt’altro che scontato: una tassa sui servizi (in questo caso la raccolta dell’immondizia) deve essere proporzionata a qualità e entità del servizio stesso di Seren...

  • L’acqua pubblica? Evaporata

    Lasciare il sistema idrico nelle mani di enti squattrinati, inefficienti e corrotti come le partecipate è un delitto di Carlo Scarpa (da “laVoce.info”)