StudiLiberali New Logo Modified_2

Fisco

FiscoQuando si invoca il valore della libertà e della responsabilità individuale come chiave per il benessere generale, si deve immaginare uno Stato il cui unico ruolo sia quello di servire l’uomo che vive ed agisce all’interno di poche e chiare regole di convivenza comune.

Le libere azioni giornaliere della moltitudine di persone, tese a cercare un miglioramento della propria condizione economica e sociale, creeranno il presupposto per la conquista stessa del benessere collettivo.

Lo Stato, invenzione del cittadino a servizio delle proprie aspirazioni, dovrebbe, quindi, limitarsi a fissare le regole, promuoverne l’utilizzo da parte dei cittadini e controllare che esse siano osservate.

fisco     Sempre nell’interesse della comunità avrebbe, inoltre, l’obbligo di sollevare il cittadino da quei compiti che egli non può individualmente ed efficientemente espletare.

Lo Stato deve intervenire per sussidiarietà.

Uno Stato sussidiario deve, quindi, costare poco alla comunità, in modo che ciascuno decida autonomamente come disporre delle proprie risorse nella maniera più efficiente.

Le macchine dello Stato e della Pubblica Amministrazione sfuggono, invece, al controllo del cittadino se non, di tanto in tanto, tramite il voto democraticamente espresso.

Sarebbe opportuno che la Costituzione contemplasse un limite alla pressione fiscale, definendo la misura in cui un individuo deve contribuire, col proprio reddito, al funzionamento della macchina statale ed alla solidarietà  pubblica.

I compiti essenziali di uno Stato sono la Giustizia (l’osservanza delle norme con larghe fasce di Conciliazioni e Arbitrati privati), La Difesa, La Sicurezza Pubblica, i rapporti con gli Stati Esteri, la funzione di controllo sulla Sanità, sulla Previdenza Sociale, sul mantenimento – sfruttamento del patrimonio artistico, la Pianificazione del territorio e delle infrastrutture (tutte materie in cui lo Stato non dovrebbe cimentarsi a livello operativo-gestionale), oltre alla fiscalità per un’equa Solidarietà, a favore delle fasce più deboli della popolazione. Ciò attraverso l’emanazione delle leggi (le regole).

Oggi la pressione fiscale è fra le prime del mondo occidentale.

Imposte di registro, bolli, tasse di circolazione, ICI, imposte di consumo, ecc. dovrebbero essere eliminate, mentre alcune sovrattasse (ad esempio carburanti, alcolici e tabacco) dovrebbero avere la finalità specifica di migliorare la situazione sociale per la quale sono state create.

Alcuni servizi della Pubblica Amministrazione, se veramente necessari o susidiari, dovrebbero essere pagati, al costo, da chi ne fruisce.

Tutto ciò basterebbe al mantenimento di uno Stato efficiente e sussidiario, scoraggerebbe l’evasione fiscale per effetto delle basse aliquote, del numero di fasce esenti e della riduzione della quantità d’imposte, permettendo controlli inferiori e rendendo quest’attività meno costosa e più efficace.

Tale metodo permetterebbe, anche, di recuperare una parte di risorse umane ed economiche dedicate, oggi, alla fiscalità, impiegandole in attività produttive di beni e servizi a favore del Cittadino.

Un recente studio della Roland Berger ha calcolato che solamente una riforma a favore delle liberalizzazioni e della concorrenza vale 2.000 euro a famiglia.

Mezzo essenziale per ridurre la pressione fiscale, oltre alla drastica diminuzione delle competenze dello Stato e della Pubblica Amministrazione, é avvicinare il più possibile al cittadino la macchina del prelievo fiscale e dei relativi controlli.

Un tal effettivo federalismo tributario renderebbe più diretto il rapporto tra le persone e chi le tassa, ponendole anche nella condizione migliore per comprendere la tassazione che è applicata e monitorarne l’impiego.

” Una nazione che si tassa nella speranza di diventare prospera è come un uomo in piedi in un secchio che cerca di sollevarsi tirando il manico “.

Winston Churchill

” Qualunque imbecille può aumentare le tasse. L’abilità sta nel ridurre le spese”. 

 Maffeo Pantaleoni

LINKS

Ministero delle Finanze

Agenzia delle Finanze

Agenzia delle Dogane

Agenzia del Territorio

Agenzia del Demanio

  • Dallo spesometro alla rottamazione: atti di fede, non scadenze

    Quando il desiderio irrefrenabile di fisco e politici di modificare, aggiungere norme e regolamenti crea situazioni tra il comico e il drammatico di Mauro Meazza (da “il Sole24ore”)

  • Ridurre le tasse per rilanciare la crescita

    Lunedì 4 dicembre alle 17,00 a Roma, via Ulisse Aldrovandi 16/b, Carta Libera organizza un incontro su “Ridurre le tasse per rilanciare la crescita”. Introdurranno il dibattito su questo argomento, cruciale per ogni liberale perché senza una riforma fiscale davvero liberale l’economia italiana non r...