StudiLiberali New Logo Modified_2

Economia

Lo sviluppo dell’economia è essenziale per produrre le risorse da investire equamente sia in nuova R&D, per garantire la continuità della crescita, sia da destinare alla socialità. I principi ormai universalmente riconosciuti nelle realtà economiche mondiali che sanno svilupparsi e per noi costante punto di riferimento, sono:

Economiarendere competitivo il Sistema nazionale per la parte dell’ Amministrazione Pubblica, migliorando la produttività, eliminando gli sprechi ed i posti di lavoro improduttivi, grazie soprattutto ad una forte spinta alla sussidiarietà, eliminando gli ostacoli che limitano lo sviluppo di imprese e imprenditorialità;

eliminare qualsiasi ostacolo che limiti la concorrenza, la trasparenza del mercato  e non permetta abusi e rendite di posizione, incentivando l’attività delle associazioni dei consumatori laddove non esista un sostanziale potere contrattuale individuale;

eliminare i vincoli e le norme che limitano un reale mercato del lavoro, flessibile e premiante i risultati

e le professionalità. Spetta allo Stato la sola fissazione delle regole minime atte ad evitare abusi, rischi e sfruttamenti; con ammortizzatori sociali semplici-certi-incentivanti;

eliminare la logica assistenziale alle imprese da parte dello Stato, che non deve fare raccolta

e ridistribuire loro risorse, alleviando la pressione fiscale. Non devono esservi favori a determinate categorie d’aziende o specifici tipi d’investimento. L’impresa e l’imprenditorialità devono potersi sviluppare orientate dalle richieste dei mercati in continua e rapida evoluzione;

privatizzare la previdenza sociale con l’incentivo a fondi pensione e la progressiva eliminazione degli obblighi contributivi verso l’INPS, eliminando gli oneri impropri sulle retribuzioni;

liberalizzare ed incentivare la costruzione di infrastrutture logistiche (ferrovie, porti, strade) garantendo un mercato competitivo anche realizzando finalmente una adeguata quota di energia rinnovabile o nucleare con costi pari a quelli dei competirors mondiali;

semplificare al massimo i processi amministrativi ed autorizzativi per incentivare la nuova imprenditorialità;

abolire tutte le sovrastrutture, gli enti, le attività dello Stato inutili e/o ripetitive ed avere orari di lavoro e produttività pari a quelli dei sistemi produttivi, anche mediante l’impegno ad almeno 40 ore

di lavoro settimanali e non più di 25 giorni lavorativi di ferie e festività;

escludere a che normali associazioni professionali operino quali corporazioni di Stato (sindacati e ordini professionali), che limitano la concorrenza e il continuo giudizio del mercato;

attribuire al sistema produttivo solo oneri sociali di competenza (assicurazione infortuni di forma privata, scelta del tipo di pensione e pagamento della stessa a carico dei singoli, ecc.);

rilanciare fortemente la ricerca scientifica, le attività a contenuto tecnologico e la produzione energetica, con nuove tecnologie, mediante incentivi fiscali per gli investimenti ad alto rischio di successo ed una politica del territorio improntata ad un suo migliore utilizzo;

attribuire concessioni solamente laddove vi sono monopoli naturali e infrastrutturali, garantendo

elevati vincoli per trasparenza e funzionamento del mercato, premiando chi offre il servizio migliore a minor costo con gare, aste concorrenziali in continuo per periodi non lunghissimi, vincoli qualitativi

e di sviluppo, capitolati adeguati;

avere una giustizia amministrativa tempestiva e con certezza del diritto ed una adeguata lotta

alla corruzione ed ai conflitti di interesse;

avere una gestione del cambio € e patti bilaterali dell’interscambio commerciale, atti ad impedire deindustrializzazioni difficilmente ricostruibili;

fare uscire lo Stato da tutte le imprese economiche laddove è possibile creare una adeguata concorrenza sul Mercato;

il tutto comporta una notevole diminuzione dei costi dello Stato ed una conseguente elevata riduzione della pressione fiscale e quindi della evasione.

Il mondo sta andando ad un’altra velocità. Molte nazioni non sono in crisi. E noi partiamo da lontano per poterle inseguire.
 

” Il significato della liberta’ economica e’ questo: che l’individuo sia nella posizione di scegliere il modo in cui si vuole integrare nella totalita’ della societa’ “.

Ludvig von Mises

” Piu’ lo stato ‘pianifica’ piu’ difficile diviene per l’individuo pianificare “.

Friedrich August von Hayek

” Il ricorso al debito pubblico non deve essere una modalità ordinaria di copertura della spesa pubblica ma solo straordinaria “.

Luigi Einaudi 

“…Se dovesse essere Washington a ordinarci quando seminare e quando mietere, presto ci troveremmo a corto di pane…”

Thomas Jefferson

LINKS

Ministero dell’Economia e delle Finanze

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Comunicazioni

Portale delle Imprese

  • Vola lo spread Italia-Spagna. Mai così alto dal «terribile» 2011

    Il presidente della Commissione Bilancio della Camera Claudio Borghi sostiene che la speculazione finanziaria stia colpendo non solo l’Italia ma anche gli altri Paesi della periferia dell’area euro come la Spagna. I numeri dicono il contrario... di Andrea Franceschi (da “ilSole.24ore”)

  • Grandi opere, meno conflitti col dibattito pubblico

    in Italia è stata introdotta la procedura del dibattito publico, un modo (forse) per dare un taglio alle discussioni eterne su ogni opera pubblica. Diventa obbligatorio il dibattito pubblico prima della realizzazione di opere infrastrutturali rilevanti. Può aiutare a migliorare le decisioni delle am...