Qui Cuba: Rensi quien?

Italian Prime Minister visits Cuba
Papa Francesco e Renzi a Cuba; quale ricordo hanno lasciato?

Dopo il Papa è arrivato il chierichetto, perlomeno è l’immagine che da di se’. Pero’ gli va riconosciuto un certo valore, dato che a memoria d’uomo non si ricorda a Cuba un Presidente del Consiglio dei Ministri italiano. Erano venuti Andreotti, a scoprire la lapide a Garibaldi nell’ 82, Dini nel ’95 a firmare accordi di cooperazione nel turismo, e Gentiloni nei primi mesi dell’anno in corso a preparare questa visita, ma tutti in quanto Ministri degli esteri.
Motivo della visita naturalmente non era pastorale come quella di Papa Francesco, ma per sancire le possibilità di accordi economici, dato la scomparsa, pur permanendo l’embargo, dell’ostruzionismo USA.
L’Italia resta al secondo posto nell’intescambio commerciale con Cuba dei Paesi UE, ma mentre alla fine degli anni novanta era al secondo posto in assoluto, adesso a livello mondiale è scesa all’ottavo posto, cedendo ai Paesi emergenti, quali Cina, Brasile, Venezuela, eccetera. Il mondo cambia più rapidamente di quel che c’immaginiamo. Però è stata annunciata la partecipazione alla Fiera dell’Havana
Gli è stato offerto di tenere una Conferenza Magistrale all’ISA (Istituto Superiore d’Arte, ex lussuosissimo campo da golf americano trasformato in scuola, nei primi anni dopo Rivoluzione, dagli Architetti Roberto Gottardi, italiano, poi restato a Cuba, Ricardo Porro, cubano, e Vittorio Garatti, italiano e vive a Milano) e va detto che puntando tutto sulla importanza della cultura come barriera contro i mali dei nostri tempi, cambio climatico, fondentalismi, crisi economiche, e’ riuscito a uscirne con una bella figura. Comunque inesistente a confronto dei discorsi del Papa.
Papa Fransisco, cosi si chiama qui, ha pronunciato frasi indelebili, come quella sulla “importanza della Revolucion de la ternura”, ossia della “rivoluzione della tenerezza” ma in italiano forse risulta meglio “dell’affetto”, che rimandava alla frase del Che “nunca olvidar la ternura”, cioe’ “mai smarrire la tenerezza”
Oppure quando ha richiamato il Congresso USA al rispetto delle diversita’ politiche, o quando ha detto alla Assemblea dell’ONU che vanno eliminati i meccanismi finanziari che impoveriscono intere popolazioni, gran bel richiamo anti neoliberista, anti FMI. Ma sopratutto il Papa ha oscurato sia gli altri due Papi che lo avevano preceduto, sia tutte le autorità presenti con quella borsa da viaggio da prete di campagna che portava personalmente scendendo e salendo la scaletta dell’aereo.
Tornando a Renzi c’e’ da aggiungere che almeno qui non ha fatto danni ma neppure ha lasciato granche’ da ricordare, anzi e’ appena partito e gia’ ti rispondono, “Rensi quien?” “Renzi chi?”

Giancarlo Guglielmi

Sull'Autore

Giancarlo Guglielmi

Giancarlo Guglielmi che vive a Cuba da molto tempo, oltre a informare e commentare gli avvenimenti più importanti che si svolgono da quelle parti, offre consulenze per chi fosse interessato a eventuali investimenti a Cuba, o semplicemente per tour personalizzati dell’isola. Chi volesse entrare in contatto puo’ farlo attraverso la email: giangi.riha@gmail.com

Post correlati