Le false “battaglie di civiltà”

Qualsiasi “valore assoluto” con le relative definizioni (specie se roboanti) non è accettabile dal liberalismo, per sua natura aperto alla discussione, al dialogo al rispetto delle opinioni degli altri

Da un po’ di tempo un nuovo spauracchio censorio si aggira per le cronache politiche, nei salotti e nei tg, nei dibattiti, negli slogan di partito, nel linguaggio dei vari Renzi, Boldrini, Bonino o Fazio: la “battaglia di civiltà”. Espressione perfetta, dal suono solenne, che ha il gran pregio di mettere la parola fine a qualsiasi discussione scomoda, e la funzione di schiacciare in culla fin dal primo accenno qualsiasi vagito di spirito critico. Che cos’è una battaglia di civiltà? E’ qualcosa che viene spacciata per giusta e intoccabile, tale da non ammettere diritto di replica. Infatti – va da sè – soltanto una persona incivile può opporsi a una battaglia di civiltà; e. perbacco!, noi viviamo in un paese di antica civiltà che non può consentire di esprimersi in pubblico – e se possibile neanche in privato – a chi se ne dimostra privo. Basta porre la fatidica premessa, e il gioco è fatto: il ricorso all’eutanasia è una “battaglia di civiltà”, lo jus soli è anche questo una “battaglia di civiltà”, la fecondazione eterologa è una battaglia di civiltà, il matrimonio omosessuale è ancora più civile di quello eterosessuale; l’ambigua legge sulla tortura (che delega all’arbitrio del giudice la presenza di un “danno pischico”) è il trionfo della civiltà, e naturalmente tutti i reati d’opinione (che riguardino il fascismo, i gay, le religioni eccetera) saranno pure antiliberali ma, che diamine, sono “battaglie di civiltà”. E c’è infine la madre di tutte le “battaglie di civiltà”: quella che apre agli immigrati, indiscriminatamente, i confini dello Stato.
Nulla di nuovo sotto il sole, si potrebbe pensare: questa è solo la nuova maschera dietro alla quale si nasconde il pensiero”politicamente corretto”. Sarà, ma non è precisamente così che l’ideologia progressista e giacobina mira a stabilire sulla società quella egemonia totalitaria esaltata a suo tempo da Antonio Gramsci?

di Dario Fertilio

Sull'Autore

Dario Fertilio

Dario Fertilio (1949) discende da una famiglia di origine dalmata e vive a Milano. Giornalista e scrittore, presiede l'associazione Libertates che afferma i valori della democrazia liberale e i diritti umani. Estraneo a ogni forma di consorteria intellettuale e di pensiero politicamente corretto, sperimenta diverse forme espressive alternando articoli su vari giornali, narrativa e saggistica. Tra i suoi libri più noti, la raccolta di racconti "La morte rossa", il saggio "Le notizie del diavolo" e il romanzo storico "L'ultima notte dei Fratelli Cervi", vincitore del Premio Acqui Storia 2013. Predilige i temi della ribellione al potere ingiusto, della libertà di amare e comunicare, e il rapporto con il sacro.

Post correlati