La repressione cinese in Tibet è più pesante che mai, ma pare non interessi a nessuno

(Da Pangeanews)
Dal 2009 in 152 si sono dati fuoco per attirare l’attenzione sulla protesta. Ma a 59 anni dalla rivolta (repressa nel sangue) di Lhasa, la pressione cinese resta micidiale. Il dialogo con Claudio Cardelli, presidente dell’Associazione Italia-Tibet

continua a leggere l’articolo qui

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati