Grillo e il suo inutile abbaiare alla luna

stilicone
Finché l’estremismo sarà così forte, l’Italia non andrà da nessuna parte. C’è un sottile filo rosso che lega massimalismo socialista del primo Novecento, Partito comunista e il Movimento di Peppe Grillo. La strana ‘liaison’ non è rappresentata dagli ideali ma dall’atteggiamento verso l’avversario politico, considerato a tutti gli effetti un nemico da abbattere.
Il massimalismo socialista, e poi il comunismo, negavano qualsiasi collaborazione con i governi ‘borghesi’, aspettando la rivoluzione della classe operaia che avrebbe spazzato via l’ordine esistente. Peccato, però, che mentre loro sbraitavano e maledivano nelle piazze, la classe operaia continuava a passarsela male. Furono molto più utili alla causa i cosiddetti riformisti, che decisero in vari momenti di appoggiare i governi definiti ‘borghesi’ in cambio di riforme che potessero migliorare la situazione delle classi più povere. Furono più utili ma bersagliati dagli calunnie dei massimalisti di turno, che li apostrofano, a seconda dei casi, come socialfascisti, socialtraditori o collaborazionisti.
E adesso la storia si ripete. Il Movimento 5 Stelle dovrebbe tenere presente che in Italia chi grida di più ha sempre riscosso un certo successo, ma non ha mai risolto neppure un problema del Paese. I grillini hanno scoperchiato alcuni scandali, e di questo va dato loro atto, ma per il resto si comportano esattamente come i loro predecessori: invece di confrontarsi e cercare di far passare le loro proposte maledicono e insultano, ma finora sono riusciti a combinare ben poco. Ultimo esempio le consultazioni con Matteo Renzi. Non sarebbe stato meglio che Grillo si presentasse con delle proposte e chiedesse a Renzi di sostenerle invece che mettere in scena una sterile contrapposizione? A questo punto il Movimento 5 Stelle è a un bivio: o dialoga con le altre forze per far approvare qualche legge utile al Paese, oppure continua nel suo inutile abbaiare alla luna.

Flavio Stilicone

Sull'Autore

Flavio Stilicone

Flavio Stilicone, il generale romano che puo' essere considerato a tutti gli effetti l'ultimo baluardo della civilta' contro i barbari invasori. Per questo un esperto cronista toscano lo ha scelto come pseudonimo per denunciare la decadenza morale e civile che l'Italia sta vivendo, esattamente come al tempo delle invasioni barbariche.

Post correlati