Coordinate europee di Croce e il cristianesimo

brescia
Alcuni appunti su Benedetto Croce e il cristianesimo alla luce dell’Europa

Benedetto Croce e il cristianesimo: Non vanno dimenticate le belle pagine, sul tema del poeta Thomas Stearns Eliot, il quale negli “Appunti per una definizione della cultura”, scrisse: “Se il cristianesimo se ne va, se ne va tutta la cultura”. Oppure la ricostruzione di Christopher Dawson, “La religione e le origini della cultura europea”, citato e recensito dallo stesso Croce; Cecil Sprigge, al capitolo “Una filosofia cristiana ?” del suo classico volume “Benedetto Croce: l’uomo e il pensatore” ( tradotto a Napoli da Riccardo Ricciardi ); o, per tacer d’altro, H.W.Ruessel, “Profilo d’un umanesimo cristiano” (trad. it., Einaudi, Torino 1945, in Rosario Assunto, “L’Italia che scrive”, n. 2 del febbraio 1946 e nei miei saggi “Evocazioni ferraresi e memorie storiche”, Laterza, Bari 2009, “Croce e il cristianesimo”, Rubbettino 2003; “Benedetto Croce e Luigi Sturzo”, Rubbettino, “Acton Institute”, 2005;”La profezia e le ipotesi”, Laterza, Bar 2007; “Radici di Libertà”, Laterza, Bari 2011 ). Croce non era certo un “provinciale”; né le sue dottrine risultano giammai affette da una pretesa “anomalia”. Solo inquadrandole nel più vasto moto della storia delle idee ( come provarono egregiamente a fare Alfredo Parente, Carlo Antoni, Federico Chabod e Raffaello Franchini, per tacer d’altri ), se ne può cogliere appieno il valore “testimoniale”, nella crisi della società e della cultura europee.

Giuseppe Brescia

Sull'Autore

Giuseppe Brescia

Filosofo storico e critico, medaglia d'oro del MIUR, Premio Pannunzio 2013 e Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica,Componente dei Comitati per le Libertà, ha procurato di innestare storicismo epistemologia ed ermeneutica. Dopo la fase filologica('La Poetica di Aristotele','Croce inedito' del 1984 ),ha espresso un sistema in quattro parti: 'Antropologia come dialettica delle passioni e prospettiva', 'Epistemologia come logica dei modi categoriali', 'Cosmologia', 'Teoria della Tetrade', 1999-2002).Per Albatros ha pubblicato il commento alla lezione di Popper in'Maledetta proporzionale' (2009,2013);'Massa non massa.I quattro discorsi europei di Giovanni Malagodi'(2011);'Il vivente originario'(saggio sulla filosofia di Schelling, con prefazione di Franco Bosio, Milano 2013); 'Tempo e Idee. Sapienza dei secoli e reinterpretazioni', con prefazione di Bosio (2015).I temi del tempo e del 'mondo della vita' si intrecciano con le attualizzazioni del 'male', da '1994'.Critica della ragione sofistica (1997), 'Orwell e Hayek', 'Ipotesi su Pico'(2000 e 2002) sino al recente'I conti con il male.Ontologia e gnoseologia del male'(Bari 2015).E' Presidente della Libera Università 'G.B.Vico' di Andria

Post correlati